Compressore volumetrico

La sovralimentazione con compressore volumetrico come funziona?

lobi compressore volumetrico

La sovralimentazione, è una soluzione tecnica per ottenere più potenza da un motore di una data cilindrata. Il punto è che un motore, nelle sue camere di scoppio, può contenere solo una certa quantità di miscela detonante (aria e combustibile) data appunto dal volume delle camere di scoppio. Questa quantità però può essere aumentata forzando l'aria all'ingresso del motore in modo da inserire nella stessa camera di scoppio più miscela con la stessa cilindrata. Dal primo principio della termodinamica più miscela detonante, più calore, più lavoro, e quindi più prestazioni.
I sitemi di sovralimentazione meccanica (ci sono anche quelli chimici, ma sono un capitolo a parte) sono principalmente due: il turbocompressore ed il compressore volumetrico. I due sistemi hanno caratteristiche diverse, il turbocompressore tende a comprimere l'aria solo dopo un certo regime del motore, mentre il volumetrico lavora meglio a regimi più bassi. Studiamo il compressore volumetrico.

cad compressore volumetrico

Il compressore volumetrico lavora grazie ad ingranaggi o lobi che, ruotando, comprimono l'aria nel condotto di aspirazione fino al motore. Il movimento è assicurato da una cinghia collegata all'albero motore che è in grado quindi di comprimere l'aria sin dai bassi regimi, rendendo l'auto progressiva nell'erogazione della potenza. Questa potenza tende però ad esaurirsi agli alti regimi. La definizione di volumetrico associata alla parola compressore, deriva da una sua classificazione ingegneristica; il compressore lavora sempre su un certo volume d'aria che entra tra i lobi, e quindi non ha un funzionamento continuo.Auto che per esempio montano questo sistema sono la Mini Cooper S e la Mercedes SLK modello Kompressor.

Valerio Rossi

Valerio RossiSono Valerio Rossi e sono l'Amministratore di MeccanicaWeb.it

Sono laureato triennale con voto 110 e lode in ingegneria meccanica presso l'Università di Roma Tor Vergata e sono attualmente studente in ingegneria meccanica magistrale. La mia tesi di laurea triennale è visibile su MeccanicaWeb.it Monitoraggio del comfort vibrazionale secondo la ISO 2631: progetto e realizzazione di un dispositivo low cost con impostazione e validazione di un modello predittivo.

Articoli correlati

Copyright © 2009 MeccanicaWeb.it
Powered by Joomla! 2.5